logo aracne

logo aracne
rivista d'arte
Iscritta nel Pubblico Registro della Stampa
del Tribunale di Rimini: n° 11 del 24-05-2011
ISSN: 2239-089898






2014


Viaggio nell'altra Germania

di Tilde Giani Gallino

 

#1 - Presentazione

 

#2 - Capitolo primo


#3 - Capitolo secondo


 

 

 

 

 

RUBRICHE:

Tapetum Lucidum,
la copertina di ARACNE

di Stefano Tonti

La cura dell'Arte / L'arte della cura
di Roberto Boccalon

Festina Lente
di Annamaria Bernucci

A volo d'Icaro
di Luca Di Gregorio

Cahiers du Festival
di Angela Catrani

Fotografia di settembre
di Marcello Tosi

Kriptonite
di Maria Virginia Cardi

Intorno all'origine
di Rosita Lappi

L'altra Germania
di Tilde Giani Gallino

L'incontro delle Arti
di Claudia Antonella Pastorino

Meraviglie
Storie di illustrazione

di Silvia Paccassoni

Messa a fuoco
di Remo Ceserani

Nuvole in viaggio
di Emanuela Agnoli

Transiti
AA.VV.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viaggio nell'altra Germania

di Tilde Giani Gallino

Tramonto estivo sul lago Flesensee

Tramonto estivo sul lago Flesensee © Tilde Giani Gallino

 

Presentazione

L’ALTRA GERMANIA: potevo scegliere una foto qualsiasi fra le centinaia di fotografie che ho scattato, per illustrare con una prima immagine il racconto di un viaggio nel Mecklenburg- Vorpommern. Non molti conoscono questo Land: il suo mare e le spiagge bellissime, sul Baltico, i mille laghi della regione interna, le mille foreste che la ricoprono, in cui ci si può persino perdere. Come i bambini delle fiabe. Potevo mostrare subito le foto di quel territorio sconfinato della Germania nord-orientale, che per decenni ha fatto parte della DDR o Germania dell’Est, con gli enormi campi di spighe dorate, o le strade che si chiamano Alleenstrassen, e sono gallerie fatte di alberi. Oppure potevo mostrare le foto dei palazzi medioevali o rinascimentali del centro storico nelle cittadine del nord-est. O anche - scendendo più a sud - le foto del “Muro”, scattate dopo la notte che cadde il Muro di Berlino, quando all’improvviso, gli abitanti di Berlino Est non sono più stati spiati giorno e notte dalla Stasi:  la polizia di stato fondata nel 1950 sul modello del KGB sovietico.
Ma sarebbe stato banale. Ho preferito iniziare invece il racconto di quel viaggio con una fotografia un poco enigmatica, un poco simbolica, per attrarre l’attenzione dei lettori e suggerire l’immagine di un’altra parte della Germania, che sta nel Nord-Est, tutta da scoprire e molto diversa da quella che sta a  Ovest: così autoritaria e assertiva verso il resto dell’Europa. Penso infatti che esistano, che siano sempre esistite due Germanie.  E del resto è risaputo che la loro riunificazione non è piaciuta a tutti quanti i tedeschi. Forse, se avessero chiesto prima alla popolazione se era d’accordo……
La foto è stata scattata al tramonto di un giorno d’estate,  dal bordo di un lago che si chiama Flesensee, uno dei  mille laghi  risalenti all’ultima glaciazione, circa 12.000 anni addietro. Leggi

Riferimenti:
ARACNE ringrazia la casa editrice Einaudi per la gentile concessione di alcune parti dei capitoli e delle foto presenti nel testo:
Tilde Giani Gallino, Viaggio nell’altra Germania. Einaudi, 2013

Tilde Giani Gallino è stata Professore Ordinario di Psicologia dello Sviluppo (Università di Torino). Ha studiato presso l'Università di Stanford (California) e in vari paesi europei:  Inghilterra, Austria, Svezia, Danimarca, Francia. Ha pubblicato oltre duecento opere su varie tematiche psicologiche. I titoli  di alcuni suoi libri si trovano in Rete. Da anni si interessa ai rapporti fra psicologia e fotografia.  Il suo ultimo libro (con fotografie), si intitola Viaggio nell’altra Germania (Einaudi, 2013). E’ Member of World Photography Organisation, London. Ha fatto Esposizioni personali di fotografia. Collabora su temi psicologici con La Repubblica, La Stampa, il Corriere della Sera.  Molte sue fotografie sono visibili in grande formato in Flickr.
www.psychologyandphotography.com
www.psicologiaefotografia.it

 

Capitolo primo

strada alberata tedesca

Deutsche Alleenstrassen © Tilde Giani Gallino

 

DEUTSCHE  ALLEENSTRASSEN: QUANDO LE STRADE SONO UNA GALLERIA VERDE

Tutti sanno quanto siano belle e panoramiche le strade dell’intera Germania. Ad Ovest  vi sono “Strade romantiche”, “Strade dei vigneti”, “Strade delle fiabe” e così via. Ad Est, in particolare nel Land chiamato Mecklenburg-Vorpommern, si incontrano le “Strade della Lega anseatica” che, partendo da Bergen (in Norvegia) e toccando numerose città tedesche e polacche ... Leggi

LA CITTA’ CHE HA VINTO LA BATTAGLIA CONTRO IL SACRO ROMANO IMPERO

Nel 1628 Stralsund era stata invece coinvolta nella guerra dei Trent’anni con un terribile assedio da parte di  Albrecht Wenzel Eusebius von Wallenstein, Ammiraglio del Mare del Nord e del Mar Baltico, al servizio dell’imperatore del Sacro Romano Impero. Stralsund si era però difesa con grande coraggio e spargimento di sangue e, aiutata dalla Danimarca e dalla Svezia ... Leggi

LE CASE DELLA GERMANIA DEL NORD-EST SOMIGLIANO ALLE CASE DI STOCCOLMA

Gli edifici sembrano raccontare molto, a proposito dei rapporti plurisecolari fra la Germania dell’Ovest e quella dell’Est.  Come se quest’ultima si fosse adattata meglio a convivere con la Svezia, piuttosto che con la propria sorella d’occidente. Passeggiando per le strade del centro cittadino si ha infatti spesso l'impressione di ... Leggi

 


Capitolo secondo

Ragazza esce dalla nuotata nel lago

Terra dei laghi e ragazza con accappatoio © Tilde Giani Gallino

 

LA TERRA DEI MILLE LAGHI: I LUOGHI RACCONTANO LA STORIA DELLE PERSONE

Ci sono luoghi che, anche senza essere città storiche, raccontano una storia fatta di persone, ispirano emozioni e riflessioni, testimoniano di un passato, un presente, un futuro. Ricordo un luogocon una splendida vista sul Müritz, un altro fra i mille laghi. Ci siamo seduti su un pontile di legno che si protendeva sul lago, ai limiti di una spiaggia naturale fiancheggiata da canneti spinti avanti e indietro dal vento ... Leggi

LUBECCA E TRAVEMUNDE: LA TERRA DI THOMAS MANN E DEI BUDDENBROOK

Perché aprire con la fotografia di una medusa un capitolo intitolato a Lubecca e  Travemunde, e addirittura a Thomas Mann e ai Buddenbrook? In primo luogo perché tutti fotografano Lubecca: una delle città tedesche e europee più fotografate, a cominciare dalla medioevale “porta” Holstentor, che si trova persino sulle monete tedesche. Mentre invece sono relativamente poche le persone che ... Leggi

LA MUSICA DELLA FORESTA. PIANO, ALLEGRO, ANDANTE MOSSO

Raccontano le antiche saghe germaniche di un albero cosmico, un frassino chiamato Yggdrasill, dal quale il dio Thor (Odino o Wotan) otteneva il dono della conoscenza. In viaggio abbiamo visitato un parco, il Naturpark Mecklenburgische Schweiz und Kummerower See. Non una foresta millenaria, come nello Yosemite National Park (California) dove le sequoie erano già pluricentenarie ... Leggi

 

 

Capitolo terzo

ragazza attraversa un campo di spighe davanti al mar Baltico

Mar Baltico, campi spighe © Tilde Giani Gallino



VIVERE A NORD-EST DI BERLINO EST

Dal 1961 al 1989, l’occidente era concentrato sulla città divisa in due dal Muro di Berlino. Come ovvio, la Berlino orientale mal sopportava la dipendenza simbolizzata dal Muro. Detto in tedesco, a Berlino-est si condivideva quella Weltanschauung (visione del mondo) che, in senso cognitivo, psicologico, razionale, emotivo, non tollerava la mancanza della libertà: di pensiero, parola, movimento, azione ... Leggi

“AKTION ROSE”, VOPOS E SPECCHI. LE SPIE DELLA STASI

A Est potevano accadere eventi gravi in qualsiasi  momento. Ad esempio molti cittadini hanno subito l"Aktion Rose", la nazionalizzazione (confisca) di ristoranti, hotel, negozi, per ordine del dittatore Ulbricht.  Dal febbraio 1953, i proprietari venivano arrestati  nottetempo, mogli e bambini cacciati dalle abitazioni, abbandonati per strada al gelo, i capifamiglia  condannati per "crimini economici". “Aktion Rose” ... Leggi

“GO, TRABI, GO.”  CHE COSA C’E’ DIETRO IL BUIO O LA LUCE

Per quarant'anni e oltre, tra 1949 e 1989, la Germania dell'Ovest e l’occidente hanno considerato la DDR un mondo arretrato, non per gli abitanti ma per l’oppressione dei dittatori tedeschi sulla popolazione. Il popolo viveva male, i governanti lo ingannavano, la polizia li spiava anche in casa, l’economia era un disastro, le loro automobili sembravano ridicole. La più conosciuta si chiamava "Trabant"  ("compagno di viaggio"), e per gli occidentali era il simbolo più evidente di quel potere tirannico... Leggi

 

 

________________________


 

© Informazioni sul copyright: tutti i diritti relativi ai testi e alle immagini pubblicati su ARACNE sono dei rispettivi autori. Qualora il copyright non fosse indicato, si prega di segnalarlo all'editore.
La riproduzione parziale o totale dei testi e delle immagini, anche non protetti da copyright, effettuata da terzi con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto atto alla sua trasmissione, non è consentita senza il consenso scritto dell'Autore.

___________________________________________________

Associazione culturale PerCorsi EstraVaganti
Via Alessandro Serpieri 17 47921 Rimini
Tel. 0541 50510

info@aracne-rivista.it