rivista d'arte
Iscritta nel Pubblico Registro della Stampa
del Tribunale di Rimini: n° 11 del 24-05-2011
ISSN: 2239-0898






INDICE

Aracne#1/2013

Souvenir



 

EDITORIALE
di LORELLA BARLAAM


HOME PAGE:

STEFANO TONTI
Tre souvenir grafici – Altezza Duomo

A ROMA ANDAI, A TE PENSAI, QUESTO RICORDO TI PORTAI

ARIELA MORTARA
VIVIANA CLAVENNA
Il souvenir nell'era del Web 2.0
nellnell’era del Web 2.0

KATIA POLICARDI
Souvenir, testimonianze di viaggio

IL SACRO PRÊT-À-PORTER

ELENA CANINI
La valenza esotica degli oggetti: il caso dei reliquiari buddhisti in vetro

FETICCI E MICROCOSMI

CHIARA BIONDI
Frammenti da un naufragio amoroso

ROSITA LAPPI
Souvenir d’analisi, il dono del congedo

SIMONA SEGRE REINACH
Un fashion souvenir dagli anni Settanta

GIOVANNI STARACE
Memoria e identità nella vita del souvenir

L'AMICA DI NONNA SPERANZA

FABIO CASAGRANDE NAPOLIN e GIANLUCA MEIS
Convertitevi sulla via del damascato
Eversione estetica

MARCELLO TOSI
Souvenirmess. Wunderkammer alla romagnola

META-SOUVENIR. RIFLESSIONI ARTISTICHE SULLA SOUVENIR-NESS

EMANUELA AGNOLI
Gioielli di faïences, souvenir rinascimentali

ALESSANDRA CASADEI
“Ceci n'est pas un objet d'art”. Il Souvenir dell'opera d'arte spiegato da Daniel Buren

SARA UGOLINI
L’arte del souvenir. Brevi note sull’oggetto-ricordo nelle arti visive seguite da un’intervista a Maurizio Giuseppucci

 

A ROMA ANDAI, A TE PENSAI, QUESTO RICORDO TI PORTAI

-------------------------------------------------------------------------------------  

Il souvenir nell’era del Web 2.0
di Viviana Clavenna e Ariela Mortara



Il souvenir è sempre stato, assieme alle cartoline e alle fotografie, un indispensabile aggiunta all’esperienza turistica. Sia che l’acquisto sia effettuato per sé stessi, come testimonianza tangibile del viaggio appena effettuato - e in questo senso capace di reiterare le emozioni che il viaggio stesso è riuscito a suscitare - sia che venga portato in dono a chi è rimasto a casa, l’oggetto ricordo ha sempre rivestito un ruolo fondamentale nell’ambito della vita del turista. In particolare, il souvenir, inteso come dono per gli altri - diventa quasi un pegno da pagare al momento della reintroduzione nella comunità di appartenenza, una testimonianza concreta che non ci si è dimenticati di chi non ha partecipato al viaggio...

Leggi

 

Souvenir, testimonianze di viaggio
di Katia Policardi

I ricordi di viaggio non sono un fenomeno nuovo; già Alessandro il Grande nel 300 a.c. impiegò circa tremila cammelli e muli per portare souvenir dalla capitale persiana di Persepolis. Alessandro non fu il solo e la pratica di sottrarre piccole parti di monumenti e statue stimolò la nascita di versioni in miniatura di oggetti, in grado di appagare gli appetiti dei viaggiatori più esigenti. Dal Medioevo al Rinascimento, fino all’Ottocento e ai primi del Novecento – quando più oggetti erano presenti in una stanza e maggiore era l’ammirazione che suscitava il suo proprietario – arrivando ai nostri giorni, i souvenir continuano ad assolvere il compito di testimoniare esperienze di viaggio...

Leggi


© Informazioni sul copyright: tutti i diritti relativi ai testi e alle immagini pubblicati su ARACNE sono dei rispettivi autori. Qualora il copyright non fosse indicato, si prega di segnalarlo all'editore.
La riproduzione parziale o totale dei testi e delle immagini, anche non protetti da copyright, effettuata da terzi con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto atto alla sua trasmissione, non è consentita senza il consenso scritto dell'Autore.

___________________________________________________

associazione culturale PerCorsi EstraVaganti
Via Alessandro Serpieri 17 47921 Rimini
Tel. 0541 50510
aracne.rivista@gmail.com